< News

20 dicembre 2018

News
Avigliana (TO) , denuncia l’aggressione su Facebook. Indagano i carabinieri Il racconto «Mi hanno accerchiato in cinque, poi colpito e ferito all’orecchio con un bicchiere»

Torino – È successo lunedì nel tardo pomeriggio. Pape Bassirou Tine era vicino al Caffè Stazione di Avigliana quando è stato circondato da un gruppo di persone, insultato e aggredito. «Erano 5 o 6, tra i 20 e 23 anni – racconta su Facebook – mi urlavano “negro di m… torna a casa tua” Mi sono girato per chiedergli se ce l’avevano con me, mi sono avvicinato e uno di loro, il più grande mi ha dato un pugno in faccia. Poi qualcuno con un bicchiere di vetro mi ha ferito all’orecchio. Alla vista del sangue si sono spaventati e sono fuggiti».
Lui a quel punto ha potuto chiamare i carabinieri, che proprio mentre raccoglievano le sue parole avrebbero fermato (secondo la sua ricostruzione su facebook) uno degli aggressori che ancora correva nei paraggi: allo stato attuale non ci sono fermi o arresti ma i militari stanno verificando le immagini delle telecamere piazzate nei pressi della stagione.

Pape è un senegalese di 20 anni pieno di amici. Vive da Almese da tempo e gioca a calcio in Promozione con il San Maurizio Canavese. È un centrocampista. E proprio dai compagni di squadra e dall’allenatore ha ricevuto i primi messaggi di solidarietà dopo l’aggressione razzista per la quale è stato poi medicato in ospedale. La denuncia alle forze dell’ordine ha dato il via alle indagini, quella su Facebook ha invece alimentato la discussione perché Pape non ha intenzione di fermarsi: «Ho fatto la denuncia ai carabinieri, ora aspetto che mi chiamino perché non lascerò correre, siamo tutti umani».

(Fonte Corriere della Sera)