< News

29 Agosto 2020

News

Spesso sono l’etnia e la razza. Altre volte la religione o la nazionalità. Altre ancora la disabilità o l’identità di genere. L’onda delle discriminazioni nei confronti del “diverso” non risparmia l’Italia. E i dati confermano che sono in aumento. Come raccontano a IL i vertici dell’Unar e dell’Oscad, che si occupano di prevenire e contrastare questo genere di reati.

In allegato l’intero articolo

Allegati