Paraciclismo, mondiali di Maniago: l'Italia chiude prima nel medagliere News | unar
< News

6 agosto 2018

News
ROMA – Nell’ultimo giorno di gare ai mondiali di paraciclismo di Maniago sono arrivate altre quattro medaglie per l’Italia. Nelle prove su strada Michele Pittacolo ha conquistato il titolo mondiale nella categoria C4. L’azzurro è arrivato in volata con tredici avversari tagliando per primo il traguardo con 1:52:00, davanti al russo Pudov e al bronzo belga Clincka. In categoria C3, Fabio Anobile è giunto al traguardo insieme al russo Ustinov in 1:45:15, meritando una strepitosa seconda piazza iridata dietro al belga d’oro, Bosmans (1:45:13). In C5 Pierpaolo Addesi ha ottenuto un fantastico bronzo con il tempo di 1:51:44, stesso dell’argento, andato all’ucraino Dementyev. Il titolo è dell’australiano Donhoe (1:51:20).
Nel pomeriggio, Luca Mazzone, Alex Zanardi e Paolo Cecchetto hanno regalato l’ultima medaglia, un prestigioso argento nella staffetta. Gli azzurri si sono piazzati secondi dietro agli Usa in una gara combattutissima. L’Italia chiude questo Mondiale con 17 medaglie: 9 ori, 4 argenti e 4 bronzi.
 “Si chiude un Mondiale straordinario per l’Italia. Il nostro team ha ottenuto risultati incredibili confermandosi ai vertici nel mondo. Voglio, dunque, rivolgere  i miei complimenti a questi straordinari ragazzi, ai tecnici  – a partire dal maestro Mario Valentini –  al Presidente Renato Di Rocco e a tutta la Federazione Ciclistica Italiana per il grande lavoro svolto e agli organizzatori che hanno consentito agli atleti di competere nelle migliori condizioni”. E’ quanto ha dichiarato Luca Pancalli, presidente del Comitato Italiano Paralimpico.