Ricerca in quest'area
Testo da ricercare:
Dal: Al:
Ricerca testo in:
Titolo
Contenuto
TAG CLOUD 'primo piano'
"Siamo tutti Dani Alves" #AlPostoGiusto #ancheiomangiolabanana #cosedauomini #MollettaRossa #Siamotuttiscimmie #spegnilediscriminazioni 1522 @unar_norazzismi ACCEDER ACCENDI I DIRITTI Accendi la mente Accendi la mente spegni i pregiudizi Accesso al pubblico accoglienza aggressione Alberto Mieli aleppo ALFABETI DIFFERENTI amir amir issa Amir Issaa Amnesty International Anci ania Aniello Manganiello antidiscriminazione antirazzismo antisemitismo antiziganismo arci arcigay Arpad Weisz asilo assistenza sanitaria Associazione 21 Luglio Associazione Black and White attentato bruxelles balotelli bambini bere bergamo biondelli boldrini bonus bebè borghezio Brain at Work brescia bullismo Buonanno burqa calcio Calderoli Caminanti camminanti carceri Career Day Career Forum caritas carta di roma carta di soggiorno casa cassazione Castel Volturno cecilia guerra cgue Che razza di Stato cittadinanza cittadinanza italiana cittadinanza onoraria Claudio De Vincenti Clippers Donald Sterling Collis Veneto Wine Group Comici integrati contro il razzismo Commissione europea Comune di Bolgare Comune Roma Comunicato Stampa concorsi concorso comuni condotta discriminatoria confessioni religiose Coni consiglio di europa consorzio Convinco Consorzio Nazionale NOVA Cooperazione Internazionale corcolle cori razzisti corte costituzionale corte d'appello corte di giustizia Corti and Cigarettes Cosa succede in Città cose da uomini cristiani cristianofobia croce celtica Croce Rossa Italiana Croce Rosse siciliana cyberbullismo Cyber crime Cécile Kyenge d'Asia e America Latina Dani Alves daspo de giorgi delibera dialogo dialogo interculturale dialogo interreligioso differenze Dipartimento per l'Informazione e l'Editoria DIRIITTI UMANI diritti diritti civili diritti dei minori Diritti Umani disabili disabilità disciminazioni DISCRIMI discrimiazione discriminazione discriminazione razziale discriminazione sessuale discriminazione territoriale discriminazioni discriminazioni di genere discriminazioni razziali DiversaMente diversita Diversity Management Diversity on the job diversità lavoro Diverso sarò io divlavoro donna dormire dossier immigrazione dosta Drive in Italy Dy Move ebrei ecri eguaglianza sociale emergenza Enock Baruawh Enock Barwuah entica enti pubblici esteri Ester Mieli età European-wide Action Week Against Racism europee eventi Expo2015 extracomunitari facebook FAKE NEWS Fand fascismo fascisti Fassino fei FEI AP 2012 femminicidio Festival del Cinema Africano festival delle migrazioni fidal figc film fish fondo per prevenzione al razzismo formazione Forum antirazzista forum risorse umane fra Francesco Spano franco bompressi Frans Timmermans frasi razziste Fundaciòn Secretariado Gitano Fundaciòn Secretariado Gitano spagnola fuocoammare gay Gianfranco Rosi giffoni Giornalista Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità giorno della memoria giorno memoria giovani giovanna martelli Giovanni Storti GLBT Diversity Index 2014 GLBT People at Work governo gozi guerra hate speech Human Rights Advocacy Training IDAHO identità di genere identità sessuale idoneità alloggiativa idos I have a dream Il futuro e’ arancione Il futuro è troppo grande ILGA-Europe illegalità il razzismo è una brutta storia immigrati immigrazione inclusione inclusione sociale indicatori discriminazione induisti infanzia ingiurie insulti insulti razzisti insulto integrare@ integrazione integrazione razziale intercultura interculturale International Roma Day intoller intolleranza iornata internazionale delle persone con disabilita' islam islamofobia istat ius soli Karima Karima 2G Kyenge l'Italia sono anch'io' Laboratorio rainbow La cultura dell'incontro lampedusa lavoro legge Bossi-Fini legioxiii legislazione europea Legislazione Italiana LEGISLAZIONE REGIONALE lgbt Lgbti Lgtbi Liberi Nantes libertà religiosa LINA WERTMULLER Linee guida persone LGBT lo ius soli look around Luisa Todini Makkox Mangiare Marco Buemi Marco De Giorgi mario mieli Martina Master matteo renzi mauro valeri Mibact Micaela Campana migrante migranti migrarti Milano Film Network ministero affari esteri Mister Chocolat MIUR mondiali 2014 moschee MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA mss media multiculturale multietnica musulmani napoli naufragio nazismo near negazionismo negra negro nei miei panni Nils Muiznieks No.DI. No discrimination Non sono razzista ma... no razzismo norazzismo occupazione femminile ODIO ON LINE odio razziale offese razziste olocausto omofobia omosessualità opportunita' ordinanza orientamento sessuale oscad papa paraolimpiadi pari opportunità Per Formare periferie Persone non pesi Pescepirata piano antirazzismo piano antiviolenza piero grasso poletti Politiche Giovanili Politiche Sociali polizia postale Porrajmos potere alle parole pregiudizi pregiudizio Presidenza del Consiglio dei Ministri pride procura Procura della Repubblica progetto BEAMS Progetto Cheese Progetto Rete Protocolli Comuni pubblico impiego quaderni LIL racconti rainbow settimana rappresentare gli studenti rassegna stampa Rassegna stampa Maggio Giugno 2013 RAZZIMO razzismo razzista razzisti Regione Puglia Regione Umbria relazione al parlamento Relazioni PCM religione responsabilità rete antidiscriminazione rete lenfor Rete Near Riccardo Di Segni Riccardo Pacifici richiedenti asilo richiedenti asilo politico rifugiati Rifugiato rio 2016 Riondo spa rom Roma Calcio femminile romamultietnica ros rovereto salone giovani scalfarotto Schulz scuola scuole seconde generazioni semestre presidenza sentenza SENZA PAURA servizio civile servizio sanitario nazionale settimana settimana antirazzismo settimana contro il razzismo settimana contro la violenza SETTIMANA DE DIRITTI SETTIMANA DEI DIRITTI shoah sinagoga sinti social media soggiornanti di lungo periodo solidarietà SOLIDARITA SPAR spegni i pregiudizi SPEGNI LE DISCRIMINAZIONI spiaggia accessibile sport SportAntenne spot SPRAR stalking stereotipi stomfront Stormfront straniere stranieri straniero Straniero Temporaneamente Presente strategia lgbt Strategia Nazionale LGBT strategia rom studentessa Studio over 50 Studio under 30 summer school supertassa sull’idoneità svastiche taormina tavecchio Tavolo Interreligioso per l’Integrazione Telgate teofonia terroni torino trans transfobia transgender trapani trasporto pubblico tribunale turismo accessibile ucei uguaglianza uguagliaza uisp unar unardoc UNHCR unione europea unione forense unioni civili universita salerno università velo Videa Villaggio antidiscriminazione Vinitaly violenza violenza contro le donne violenza di genere violenza sessuale vu' cumprà web WE still DREAM xenofobia xenofobo XII settimana d'azione contro il razzsimo XI settimana d'azione contro il razzismo

Da noi le porte sono sempre aperte: ecco l’appello dello sport sociale Uisp al convegno Rete Fare e Unar

La necessità di adeguare i regolamenti alle esigenze sociali dello sport, per valorizzarne le potenzialità di integrazione e dialogo: Questo è stato l’obiettivo dichiarato del convegno ”L’Europa, il calcio e i rifugiati. Iniziative, regole ed esperienze di inclusione attraverso il gioco”, che si è tenuto il 13 febbraio a Roma, organizzato dall’ UNAR,  Rete fare (Football against racism in Europe), da Uisp-Unione italiana sport per tutti e Liberi Nantes.

Il confronto, al quale hanno partecipato rappresentanti dell’Uefa, della Figc e dell’Aic è servito a capire se e come l’Europa e l’Italia si stanno adeguando al fenomeno, tutt’altro che temporaneo, delle migrazioni e della richiesta d’asilo di tante migliaia di persone in arrivo ogni giorno ai confini del continente.

“Da una parte si chiede allo sport di svolgere un ruolo di mediazione nei confronti di rifugiati e richiedenti asilo, dall’altra i regolamenti spesso lo impediscono – ha detto Carlo Balestri, responsabile politiche internazionali Uisp -  Per questo motivo l’Uisp ha esposto alcune buone pratiche in ambito di integrazione e sport nel nostro Paese, come i Mondiali Antirazzisti, e ha chiesto alcune modifiche regolamentari”. Ad esempio è impossibile applicare la normativa sul tesseramento dei calciatori per persone non comunitarie con permessi di soggiorno in scadenza. Inoltre per i minori non accompagnati in transito nel nostro Paese non è possibile il tesseramento perchè inevitabilmente manca la firma dei genitori.

GUARDA IL VIDEO CON LE INTERVISTE a Fiona May (FIGC), Vincenzo Manco (Uisp), Mauro Valeri (Unar), Piara Powar (Rete Fare), Raffella Chiodo (Rete Fare), Koffi Gbonfoun (Liberi Nantes)

In questo senso è stata particolarmente significativa l’esperienza dei Liberi Nantes, squadra di richiedenti asilo affiliata all’Uisp Roma, che gioca in terza categoria ma solo fuori classifica: “Vi lancio questo appello ragazzi, ovunque andate se non vi fanno giocare ricordate che le porte dei Liberi Nantes sono sempre aperte”: dice Koffi, ragazzo senegalese dei Liberi Nantes. “Saremmo in piena zona play off, da cui giocarci la qualificazione alla categoria superiore, ma questo non ci viene consentito – racconta Alberto Urbinati, presidente Liberi Nantes – ogni domenica ci guadagniamo sul campo un risultato che non ci viene riconosciuto perché possiamo giocare solo fuori classifica, in quanto non possiamo tesserare i nostri giocatori”. L’esperienza della squadra romana è stata tra quelle emerse durante il convegno, in cui sono anche intervenuti rappresentanti delle istituzioni calcistiche nazionali ed europee e dell’UNHCR, per collegare il fenomeno migratorio alle opportunità di integrazione offerte dallo sport, e dal calcio in particolare. Ilaria Pasqui, dell’Ufficio legale AIC (Associazione Italiana Calciatori), e Anna Baracchi, dell’ASGI (Associazione studi giuridici sull’immigrazione), hanno ricostruito il panorama della regolamentazione relativa al tesseramento dei calciatori stranieri e in particolare dei minorenni.

“Il convegno di oggi è servito per porre all’attenzione delle istituzioni politiche e sportive questi problemi – ha detto Vincenzo Manco, presidente Uisp – l’Uisp mette a disposizione buone pratiche, esperienze e attività nelle quali c’è una continua ricerca, anche di tipo regolamentare, per favorire in ogni modo l’inclusione. Al sistema sportivo chiediamo di fare altrettanto”.

“L’unar ha intrapreso un percorso propositivo: favorire le buone prassi, con i soggetti che si sono adoperati per permettere ai richiedenti asilo di fare sport – ha detto Mauro Valeri, Unar – si tratta di una scommessa con le associazioni per accogliere, far gocare e svolgere un’azione di mediazione sul territorio”.

Piara Powar, Rete Fare:  “E’ una situazione di emergenza tutti noi stiamo lavorando per migliorare la vita di queste persone, cercando di integrarli e di offrendo loro qualcosa di migliore. Sappiamo quello che vogliamo raggiungere. Giocare e fare sport  permette loro di integrarsi. Le regole dovrebbero essere più semplici. In molti paesi abbiamo ancora bisogno di lavorare parecchio per far capire questa opportunità”.

La legislazione sportiva impone un divieto al tesseramento dei minori non accompagnati legato alla scelta di impedire il traffico dei baby calciatori ma secondo l’ASGI, la legislazione italiana con i suoi principi di inclusione e accoglienza, avrebbe i mezzi per superare le difficoltà e permettere il godimento del diritto al gioco per tutti i bambini sul nostro territorio. La legge sullo ius soli sportivo, approvata nel 2016, è uno degli elementi a supporto del diritto al gioco: “Ormai è condiviso che lo sport accelera i processi di condivisione e integrazione ma non siamo ancora riusciti a far inserire questo semplice principio nella legislazione italiana – ha detto l’on.  Filippo Fossati - Basterebbe riconoscere che è uno strumento delle politiche sociali, evidenziando così la sua funzione. Invece succede che ci siano progetti sparsi che concretizzano questo approccio ma non la regola che lo sancisce, si lavora come se si trattasse di una perpetua eccezione”.
Per Alessandra Morelli, rappresentante UNHCR (Agenzia ONU per i rifugiati): “Lo sport può aiutare a far incontrare due paure: quella di chi scappa e quella di chi accoglie, fase indispensabile per promuovere l’integrazione”.

Patrick Gasser, Uefa: “Credo che tutti dovrebbero avere il diritto e la possibilità di giocare a calcio e credo che sia una questione in agenda per il calcio europeo quella di aprire le porte ai rifugiati. Senza contare che includere questo flusso dà la possibilità di aumentare la base dei praticanti e quella di contribuire ad un calcio più competitivo”.
“Il nostro auspicio è che le istituzioni raccolgano gli spunti e le proposte innovative della società civile per sfruttare al massimo il potenziale straordinario del calcio, e dello sport in generale, per aprire le porte alla partecipazione e al gioco a tutte e tutti, nessuno escluso”, ha detto Raffaella Chiodo Karpinsky, presidente della Rete Fare, che sviluppa diverse campagne e attività in collaborazione e stabilisce partenariati con diverse istituzioni tra cui quelle calcistiche nazionali e internazionali.

Di seguito l’audio completo dell’evento