Ricerca in quest'area
Testo da ricercare:
Dal: Al:
Ricerca testo in:
Titolo
Contenuto
TAG CLOUD 'news'
"Siamo tutti Dani Alves" #AlPostoGiusto #ancheiomangiolabanana #cosedauomini #MollettaRossa #Siamotuttiscimmie #spegnilediscriminazioni 1522 @unar_norazzismi ACCEDER ACCENDI I DIRITTI Accendi la mente Accendi la mente spegni i pregiudizi Accesso al pubblico accoglienza aggressione Alberto Mieli aleppo ALFABETI DIFFERENTI amir amir issa Amir Issaa Amnesty International Anci ania Aniello Manganiello antidiscriminazione antirazzismo antisemitismo antiziganismo arci arcigay Arpad Weisz asilo assistenza sanitaria Associazione 21 Luglio Associazione Black and White attentato bruxelles balotelli bambini bere bergamo biondelli boldrini bonus bebè borghezio Brain at Work brescia bullismo Buonanno burqa calcio Calderoli Caminanti camminanti carceri Career Day Career Forum caritas carta di roma carta di soggiorno casa cassazione Castel Volturno cecilia guerra cgue Che razza di Stato cittadinanza cittadinanza italiana cittadinanza onoraria Claudio De Vincenti Clippers Donald Sterling codice rosa Collis Veneto Wine Group Comici integrati contro il razzismo Commissione europea Comune di Bolgare Comune Roma Comunicato Stampa concorsi concorso comuni condotta discriminatoria confessioni religiose Coni consiglio di europa consorzio Convinco Consorzio Nazionale NOVA Cooperazione Internazionale corcolle cori razzisti corte costituzionale corte d'appello corte di giustizia Corti and Cigarettes Cosa succede in Città cose da uomini cristiani cristianofobia croce celtica Croce Rossa Italiana Croce Rosse siciliana cyberbullismo Cyber crime Cécile Kyenge d'Asia e America Latina Dani Alves daspo de giorgi delibera dialogo dialogo interculturale dialogo interreligioso differenze Dipartimento per l'Informazione e l'Editoria DIRIITTI UMANI diritti diritti civili diritti dei minori Diritti Umani disabili disabilità disciminazioni DISCRIMI discrimiazione discriminazione discriminazione razziale discriminazione sessuale discriminazione territoriale discriminazioni discriminazioni di genere discriminazioni razziali DiversaMente diversita Diversity Management Diversity on the job diversità lavoro Diverso sarò io divlavoro donna dormire dossier immigrazione dosta Drive in Italy Dy Move ebrei ecri eguaglianza sociale emergenza Enock Baruawh Enock Barwuah entica enti pubblici esteri Ester Mieli età European-wide Action Week Against Racism europee eventi Expo2015 extracomunitari facebook FAKE NEWS Fand fascismo fascisti Fassino fei FEI AP 2012 femminicidio Festival del Cinema Africano festival delle migrazioni fidal figc film fish fondo per prevenzione al razzismo formazione Forum antirazzista forum risorse umane fra Francesco Spano franco bompressi Frans Timmermans frasi razziste Fundaciòn Secretariado Gitano Fundaciòn Secretariado Gitano spagnola fuocoammare G7 gay Gianfranco Rosi giffoni Giornalista Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità giorno della memoria giorno memoria giovani giovanna martelli Giovanni Storti GLBT Diversity Index 2014 GLBT People at Work governo gozi guerra hate speech Human Rights Advocacy Training IDAHO identità di genere identità sessuale idoneità alloggiativa idos I have a dream Il futuro e’ arancione Il futuro è troppo grande ILGA-Europe illegalità il razzismo è una brutta storia immigrati immigrazione inclusione inclusione sociale indicatori discriminazione induisti infanzia ingiurie insulti insulti razzisti insulto integrare@ integrazione integrazione razziale intercultura interculturale International Roma Day intoller intolleranza iornata internazionale delle persone con disabilita' islam islamofobia istat ius soli Karima Karima 2G Kyenge l'Italia sono anch'io' Laboratorio rainbow La cultura dell'incontro lampedusa lavoro legge Bossi-Fini legioxiii legislazione europea Legislazione Italiana LEGISLAZIONE REGIONALE lgbt Lgbti Lgtbi Liberi Nantes libertà religiosa LINA WERTMULLER Linee guida persone LGBT lo ius soli look around Luisa Todini Makkox Mangiare Marco Buemi Marco De Giorgi mario mieli Martina Master matteo renzi mauro valeri Meeting antirazzista Mibact Micaela Campana migrante migranti migrarti Milano Film Network ministero affari esteri Mister Chocolat MIUR mondiali 2014 moschee MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA mss media multiculturale multietnica musulmani napoli naufragio nazismo near negazionismo negra negro nei miei panni Nils Muiznieks No.DI. No discrimination Non sono razzista ma... norazzismo no razzismo occupazione femminile ODIO ON LINE odio online odio razziale offese razziste olocausto omofobia omosessualità opportunita' ordinanza orientamento sessuale oscad papa paraolimpiadi pari opportunità Per Formare periferie Persone non pesi Pescepirata piano antirazzismo piano antiviolenza piero grasso poletti Politiche Giovanili Politiche Sociali polizia postale Porrajmos potere alle parole pregiudizi pregiudizio Presidenza del Consiglio dei Ministri pride procura Procura della Repubblica progetto BEAMS Progetto Cheese Progetto Rete Protocolli Comuni pubblico impiego quaderni LIL racconti rainbow settimana rappresentare gli studenti rassegna stampa Rassegna stampa Maggio Giugno 2013 RAZZIMO razzismo razzista razzisti Regione Puglia Regione Umbria relazione al parlamento Relazioni PCM religione responsabilità rete antidiscriminazione rete lenfor Rete Near Riccardo Di Segni Riccardo Pacifici richiedenti asilo richiedenti asilo politico rifugiati Rifugiato rio 2016 Riondo spa rom Roma Calcio femminile romamultietnica ros rovereto salone giovani scalfarotto Schulz scuola scuole seconde generazioni semestre presidenza sentenza SENZA PAURA servizio civile servizio sanitario nazionale settimana settimana antirazzismo settimana contro il razzismo settimana contro la violenza SETTIMANA DE DIRITTI SETTIMANA DEI DIRITTI shoah sinagoga sinti social media soggiornanti di lungo periodo solidarietà SOLIDARITA SPAR spegni i pregiudizi SPEGNI LE DISCRIMINAZIONI spiaggia accessibile sport SportAntenne spot SPRAR stalking stereotipi stomfront Stormfront straniere stranieri straniero Straniero Temporaneamente Presente strategia lgbt Strategia Nazionale LGBT strategia rom studentessa Studio over 50 Studio under 30 summer school supertassa sull’idoneità svastiche taormina tavecchio Tavolo Interreligioso per l’Integrazione Telgate teofonia terroni torino trans transfobia transgender trapani trasporto pubblico tribunale turismo accessibile ucei uguaglianza uguagliaza uisp unar unardoc UNHCR unione europea unione forense unioni civili universita salerno università velo Videa Villaggio antidiscriminazione Vinitaly violenza violenza contro le donne violenza di genere violenza donne violenza sessuale vu' cumprà web WE still DREAM xenofobia xenofobo XII settimana d'azione contro il razzsimo XI settimana d'azione contro il razzismo

DDL FAKE NEWSROMA - “Un attacco alla libertà di espressione come diritto fondamentale dei cittadini”, così Bruno Saetta, avvocato e blogger che da anni si occupa di diritto applicato alle nuove tecnologie commenta la proposta di legge contro la diffusione di notizie false presentata il 15 febbraio in Senato. Un’iniziativa che ha sollevato tantissime polemiche “Imbarazzante”, twitta Philip Di Salvo, giornalista e ricercatore. E ancora: “Prossimo step, istituiamo il ‘ministero della Verità’” (Paolo Montesel); “C’è bisogno di dire che il ddl Gambaro è una boiata galattica?” (Luca Alagna), “Il ddl #Gambaro è la peggiore idiozia liberticida mai concepita da “mente” umana. Persino troppo per pensare sia fatto in buona fede” (Stefano Epifani).

Saetta, come definisce la proposta Gambaro?
“È retrograda, inadatta tecnicamente, culturalmente e giuridicamente. Un attacco alla libertà di espressione come diritto fondamentale dei cittadini. Infatti, mira palesemente a creare una netta separazione tra l’informazione professionale, quella dei giornali e della televisione. E la ‘diffusione di informazioni’ online, che così viene a essere considerata un’attività pericolosa, quindi da monitorare costantemente e reprimere”.

Il carcere previsto per chi si rende “responsabile di campagne d’odio”. Non le sembra eccessivo?
“Disegnare una risposta esclusivamente criminale, con pena della reclusione, non solo è eccessivo. Ma addirittura deleterio. Ci sono ricerche che mostrano come alcune campagne d’odio sono solo la conseguenza dei malesseri sociali a cui lo Stato non offre alcuna risposta. Inoltre, uno studio del 2013 in Kenya (il progetto UMATI) ha dimostrato che non sempre l’odio online si traduce in violenza reale, quindi occorre innanzitutto definire meglio cosa è una campagna d’odio, e stabilire risposte proporzionate alle varie situazioni. È un problema complesso, non esiste una soluzione semplice”.

Qual è l’aspetto più pericoloso della proposta, a suo avviso?
“Emerge una palese mancanza di comprensione del funzionamento della Rete. E delle problematiche da cui nascono ‘campagne d’odio’ e ‘fake news’. Utilizzare un unico strumento, repressivo, per una serie di problemi completamente differenti (hate speech, fake news, cyberbullismo) è di per sé indicativo”.

Tante le critiche a questo ddl. C’è, almeno, una nota positiva? 
“Si, che così come è il ddl, con norme in contrasto con la Costituzione e la giurisprudenza della Corte di Giustizia europea, è palese che non passerà mai. Non credo che farà molta strada in Parlamento”.

È possibile disciplinare una materia così complessa come la diffusione di notizie false? 
“Innanzitutto, c’è bisogno di una adeguata comprensione del problema e di uno studio delle motivazioni alla base della diffusione delle fake news. Ad esempio, le notizie false oggi sono in aumento a causa del modello sul quale si basano i mezzi di comunicazione, cioè quello pubblicitario, che si occupa di convincere la gente a cliccare per visualizzare i contenuti. Una notizia falsa può risultare più accattivante e ‘acchiappa clic’. Le fake news sono, quindi, più redditizie. Anche i giornali abbelliscono molte notizie. E persino la politica fa ampio uso di fake news, per giustificare censura, guerre, e sorveglianza di massa. È difficile regolamentare una materia così vasta. Occorre distinguere le varie ipotesi e intervenire, se necessario, separatamente. Comunque, come dicono gli americani,’remedy for bad speech is more speech, not silence’”.

Rete e norme: come giudica i tentativi italiani fatti fino ad oggi per disciplinare internet? E quanto si presta la Rete a essere regolata?
“Internet può essere regolamentata come qualsiasi altra attività umana. Il problema è che una pessima regolamentazione può distruggere tutto ciò che di positivo porta la Rete: la capacità di diminuire le distanze tra i popoli, ridurre le contese e le guerre,

la capacità di portare alle persone più conoscenza e informazioni. Purtroppo molti tentativi di regolamentazione, non solo italiani, hanno l’unico scopo di ingabbiare la Rete al fine di poter controllare il fluire delle informazioni e impedire voci dissidenti”.