Ricerca in quest'area
Testo da ricercare:

Dal: Al:

Settimana d’azione contro il razzismo

immagine banner "settimana di azione contro il razzismo"

Come ogni anno, in occasione della “Giornata mondiale per l’eliminazione delle discriminazioni razziali,” che si celebra in tutto il mondo il 21 marzo, l’UNAR l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Dipartimento per le Pari Opportunità organizzato la Settimana di azione contro il razzismo, campagna di sensibilizzazione giunta ormai alla sua IX edizione, in programma dal 17 al 24 marzo.

Ufficialmente la settimana prenderà il via con il weekend sportivo del 16 e 17 marzo.

Grazie al sostegno di FIGC, Lega Calcio di Serie A e Serie B, Lega Pro e con la collaborazione della UISP, Rete FARE e dell’Oscad (Osservatorio per la sicurezza contro gli atti Discriminatori) prima del fischio di inizio delle partite in tutti i campi di serie A, sarà esposto uno striscione contro il razzismo e i capitani delle squadre leggeranno un messaggio rivolti ai tifosi. Analoghe manifestazioni sono previste su tutti gli altri campi di calcio.
Sempre il 17 marzo l’UNAR correrà a fianco della XIX maratona di Roma, ripetendo lo slogan “Ti si Apre il Mondo” riportato sulle magliette di colore verde cui migliaia di persone e ragazzi correranno la stracittadina dandosi appuntamento al Colosseo per una giornata che unirà tutto lo sport.

Centinaia le iniziative promosse in tutta Italia, a cominciare dal progetto didattico “Look around. Per non restare indifferenti”, in collaborazione con l’associazione ‘Il razzismo è una brutta storia” e con le librerie Feltrinelli, che coinvolgerà studenti elementari e medi e i loro insegnanti nella fruizione di cortometraggi sui temi dell’antirazzismo e dell’educazione alla cittadinanza.

In tante città, nei quartieri a forte vocazione etnica, (tra le altre Roma, Bologna, Verona, Milano, Trieste, Torino, Genova Prato, Cosenza, Bari, Palermo), in collaborazione con le associazioni locali e Amnesty International, saranno allestiti gazebo informativi pensati come punti di incontro fra la popolazione italiana e le comunità straniere della città, in cui far conoscere le tradizioni e le diverse culture attraverso mostre fotografiche, percorsi e spettacoli teatrali.